Vittoriale

Contenuti

Libri

Pensieri & Aforismi

Fessi Fosforescenti

Timeline

Rassegna Web

Officina

È l’unica stanza della prioria nella quale entra liberamente la luce naturale del giorno ed è l’unica arredata con mobili di rovere chiaro semplici e funzionali. Era lo studio di d’Annunzio, al quale si accede salendo tre alti scalini e passando sotto un basso architrave che costringe chi entra a chinarsi. L’architrave è sormontato dal verso virgiliano hoc opus hic labor est (qui sta l’impresa e la fatica) con cui nell’Eneide si ammonisce Enea che si accinge a scendere nell’ade di quanto sia facile l’accesso agli inferi ma riuscire a ritornare nel mondo dei vivi sia appunto la vera difficile impresa. In effetti dopo la penombra che caratterizza il resto della prioria la luminosità di questa stanza fa al visitatore l’effetto di una risalita dal buio verso la luce. Leggii, scaffali inclinati e teche girevoli circondano il tavolo e lo scanno senza schienale su cui d’Annunzio scrive; a portata di mano stanno le opere di consultazione frequente, a cominciare dai vocabolari e dai repertori di cui l’autore si è sempre servito.